Contatore per sito
Dobbiamo Partecipare!

Riflessioni di uno
vale uno

b

dal nostro collaboratore Antonio V.
Questo articolo rappresenta la posizione personale di un attivista che prende spunto da un argomento interessante dibattuto. In attesa che vi sia uno spazio ufficiale

 
 

Amministrative Roma

Il 3 e 4 ottobre si svolgeranno le elezioni amministrative per rinnovare le giunte di importanti città italiane tra cui Roma dove la Raggi si ricandida alla carica di primo cittadino.
Alla stessa carica ambiscono Gualtieri, Calenda, Michetti più una pletora di altri 18 nomi.
La Raggi è sotto il fuoco di tutti i media, opinionisti, commentatori, conduttori e varia umanità.

Roma è una città enorme, con problemi enormi e ormai radicati da decenni; Virginia ha fatto tutto il possibile per affrontarli e portarli a soluzione, ma non ha la bacchetta magica (nè ce l'ha il M5S, per chi se ne fosse dimenticato e pretende il "tutto, subito e come dicono le tavole della legge"): i problemi sono ancora lì, avviati a soluzione, ma ancora pesantemente presenti (AMA, ritiro rifiuti, smaltimento rifiuti, strade, pulizia strade, buche, marciapiedi, verde pubblico, illuminazione, trasporti, decoro pubblico...) e la cittadinanza è sfinita e facilmente manipolabile: giorni fa mentre facevo la fila alla cassa di un supermercato, una signora continuava a fare il suo comizietto, ripetendo che:
"Roma in queste condizioni non c'è mai stata; la Raggi è stata la peggio di tutti".

Al che non ho potuto far altro che replicare :
"Certo erano meglio quelli che facevano un buco di bilancio di 13 miliardi, oppure quelli che facevano finta di non vedere il clan Casamonica, oppure il clan Spada, oppure quelli che tolleravano l'occupazione di un intero edificio da parte di Casapound e che lasciavano i cassonetti pieni ma assumevano operatori Ama aummaumm.
Quelli sì che governavano bene!".
La signora tacque ma nessuno dei presenti mi disse "Ha ragione".
La gente è sfiancata, sfinita, sfiduciata, disinteressata. E dimentica. A questo punto, come dicevo, è facilmente manipolabile.

Tutto sto pistolotto per dire che il 3 e 4 ottobre il M5S a Roma deve dare prova di unità, lasciando da parte delusioni, rancori, massimalismi, appartenenze, antipatie, simpatie, tradimenti, poltronisti.

Tutte la anime del M5s vecchie e nuove devono mettere da parte gli "eccepisco" e votare Virginia, tutte: Casaleggiani, Contiani, Grillini prima maniera, Gruppo Misto, PA, Ac'è, Di Battistiani, Sì vax, No vax... (me sembra d'esse' tornato all'anni 70 che spuntavano corenti e gruppetti ognuno più rosso de ll'artro ma ssenza concrude ncazzo), uniti dall'unico pensiero che tutti ci accomuna: il Movimento è l'unica forza politica che, con fatica, tentennamenti, marce indietro, ostinazione, consapevolezza, può raddrizzare il nostro paese.

Facciamolo ca@@o! (ndr @@ è trasferibile in z)

Le foto presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da comunicalrlo al postmaster@corrierecinquestelle.it e provvederemo alla immediata rimozione.