Contatore per sito
Il Corriere delle Cinque Stelle

PA = Parola agli Attivisti
Adesso si fa sul serio

MOVEXIT 


di Roberto
  questa sera 24 agosto alle 21.00 è prevista una riunione su ZOOM particolarmente importante.

Il gruppo "Parola gli attivisti" con la sua leader e promotrice Francesca De Vito cercherà di dare una completa visione del progetto che è stato curato da lei e da diversi attivisti in questi mesi in modo tale da passare alla fase di ufficializzazione della proposta politica.

Anche se esistono più gruppi regionali che vorrebbero ricreare un "movimento originale" mantenendo fede agli impegni concordati negli Stati Generali e cancellati con un "colpo di spugna" il gruppo PA sembra quello più maturo e che si conseguenza ha ricevuto maggiori attenzioni sia sui social che i sui giornali nazionali.

la scelta è già storia. Il Movimento ha un nuovo Statuto e un Presidente e di conseguenza ogni attivista si è dovuto rimettere in discussione una volta accettata la cancellazione "abusiva" di quanto deciso negli stati generali attraverso lo strumento  della DD.

Certamente il Partito-Movimento ha mantenuto una grossa fetta di iscritti attivi (circa l'80%) che hanno accettato il nuovo Statuto e successivamente hanno confermato l'unico candidato Presidente Prof Giuseppe Conte  con un prebiscito da 98%. Ma esistono anche persone coerenti che non hanno accettato la soluzione di Beppe Grillo di far sparire l'esito degli Stati  Generali forse per far sopravvivere un Movimento oramai spogliato dai valori fondanti.

Nulla di grave. "morto un papa se ne fa un altro... come si dice".

Avremo quindi iscritti "followers" che accetteranno questa decisione restando nel Movimento-Partito, quelli che torneranno alla astensione sentendosi "fregati" dalla fiaba che NON è andata a lieto fine e quelli che decideranno di cancellare l'iscrizione al Movimento (questo gruppo lo ha fatto il 10 agosto, data di San Lorenzo...simbolo delle stelle cadenti..) o che lo faranno quando sarà chiaro il progetto del gruppo PA o di altri gruppi simili.

Il "sarà chiaro" non è cosa banale. Nel canale Telegram infatti i commenti e le obiezioni sono "piccanti" ma penso siano un ottimo segno di vivacità e di coinvolgimento di tutti gli interessati.

Io stesso, con fare tipico dell'elefante che entra in una cristalleria e starnutisce... ho buttato qualche idea e qualche provocazione e ho potuto apprezzare un ottimo contradditorio dei presenti.
Il gruppo ora conta 418 iscritti e sicuramente meglio del defunto "blog delle stelle" oramai diventato un vecchio ricordo del blog di Beppe Grillo dove si sfidavano a colpi di post le migliori teste pensanti della Italia "che vuole il meglio".

BENE, quindi le basi per un gruppo coes e di individui con la testa "libera", di persone preparate e soprattutto "vaccinate" dalla precedente esperienza del Movimento fanno pensare che si possa costruire qualcosa imparando dagli errori.
Leggo in generale di persone educate, oneste, partecipate, appassionate e giustamente diffidenti delle "fiabe per bambini". La politica è una cosa seria... una arena dove ci sono leoni pronti a sbranarti al primo errore e di elettori che possono girare il pollice verso al tuo minimo accenno di debolezza, di antipatia o di superbia.

Tornando a stasera.. gli organizzatori del gruppo PA in questo momento storico stanno completando la parte "burocratica" proprio per arrivare a creare formalmente una associazione, registrarla e definire un "soggetto politico" completo che possa rappresentare l'elemento traiante rispetto altri gruppi che si stanno formando solo adesso (il 1 settembre dovrebbe essere presivsto un momento di coordinamento nazionale).

Sicuramente, visto da fuori, ci sono più iniziative che potrebbero, se non incanalate opportunamente, sovrapporsi e annullarsi a vicenda. Ripartire senza un punto fermo (es una organizzazione come Rousseau) è sicuramente difficile per tutti. Penso quindi che tutti questi gruppi interessati a creare una alternativa al Movimento Conte (o meglio a ribadire la vera missione del Movimento) debbano chiedere aiuto a Rousseau per poter creare una massa critica di pensieri e teste necessaria a creare un unico soggetto politico forte ... e una unica piattaforma come Rousseau utile per aggregare idee, statuti, votazioni ... insomma ... qualcosa per  far ripatire dal "basso" la Democrazia Diretta tanto voluta ed amata dal magico duo Grillo/Casaleggio.

Penso inoltre che i gruppi più forti debbano selezionare dei leader portavoce e fare in modo che si crei una "federazione" nazionale con un Direttorio stile Stati Generali dove creare una unica entità forte con più portavoce nazionali. Così da non avere un "leader presidente" ma un nucleo forte permanente.

I maligni potrebbero obiettare che ogni gruppo ha la sua prima donna che vorrebbe essere il nuovo "Beppe" o il nuovo "Casaleggio" della situazione. Premesso che nessuno si sentirà di potersi confrontare con questi due "simboli" ma la tentazione di riprendere in mano il vecchio movimento sicuramente è uno stimolo e il "vuoto" di potere di questi mesi è un elemento importante sul quale riflettere per evitare che  qualche opportunista ne approfitti.

Inoltre, non da poco, una delle figure più carismatiche ed ancora non corrotte dal politichese poltronaro... ovvero Alessandro Di Battista... è al momento, come si dice, alla "finestra" che guarda ed osserva.

Forse sta aspettando il momento opportuno per entrare dalla porta principale (Conte che esce dal Governo Draghi?) o forse sta misurando le varie iniziative come PA per poter decidere il miglior cavallo per puntare proprio su quello.
Opportunismo anche questo? Beh direi di si. Nulla di male... tutti lo vogliono tutti lo cercando.. e lui mica è obbligato a tornare in politica... un mandato se lo è già speso...

E' pur certo che il gruppo di attivisti che riuscirà a creare con Rousseau un "doppio filo" potrebbere avere un grosso vantaggio competitivo per poter "imporre" la propria idea su altre iniziative simili. Se poi ci fosse anche la sponsorship di Alessandro... sarebbe un "bingo" sensazionale.

Ma  me preme ancora capire quante soluzioni sono in gioco e come capire la migliore. Che non è detto sia la più matura o quella più "pubblicizzata".

L'esempio della pizza, usato per sdrammatizzare il momento.. topico... è d'obbligo.

Diciamo che l'attivista del Movimento è goloso di Pizza. E il Movimento "old style" è la pizza.

Ora all'orizzonte si stanno proponendo diversi pizziaioli con la loro variante. Ovviamente tutte pizze ottime  (ogni riferimento a regioni o altre dimensioni.. NON è casuale)
- pizza Napoletana
- pizza Romana
- Pizza Tridentina
- Pizza "capricciosa"
- Pizza Torinese
- Pizza Pomigliano
- Pizza all'ANANAS
Escludendo il caso ANANAS che è troppo estremista.. e poco digeribile... quando c'è troppa scelta e le soluzioni sono tutte buone con poche sfumature e con ingredienti simili... il cliente alla fine resta "indeciso" e allora che fa?

Fa guai :
- sceglie la margherita... perchè è semplice e non ci sono fregature (ma che noia!!!)
- si fa consigliare da amici (che hanno alti gusti?)
- vede le pizze del tavolo a fianco (l'erba del vicino...)
- si alza e se ne va dalla pizzeria (... e torna dal Professore?)
- si fa fare una pizza indicando gli ingredienti e li paga 1 Euro per ogni aggiunta (crea un altro gruppo)

Oppure fa come un famosissimo Pizzaiolo #1 a Napoli. La pizza ha solo due opzioni (Marinara o Margherita) e ci sta solo un tipo di Birra. Se non ti piace... te ne vai (per chi non l'avesse capito... corrisponde alla Opzione Movimento Conte).
E quella pizzeria a Napoli ha la coda di 1 ora.. visto che non accetta prenotazioni. E la gente ci va.. sicuro.

Bene. Tornado a cose serie. Stasera su ZOOM ci sarà un passo importante.

Qui il link per gli attivisti interessati :
Martedì 24 agosto alle 21.00
ci vediamo su Zoom!
https://us02web.zoom.us/j/87366593756
id: 873 6659 3756

In bocca al lupo per questa avventura !!!







Le foto presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione non avranno che da comunicalrlo al postmaster@corrierecinquestelle.it e provvederemo alla immediata rimozione.